Benvenuti in Don't Starve Italia logo

La community italiana di Don't Starve

Tutte le discussioni
  • 1
    commenti
    0
    Come iniziare a sopravvivere

    La guida per chi è alle prime armi e vuole imparare a giocare come un vero professionista. Tutto ciò che c'è da sapere per sopravvivere i primi giorni, prima di abbandonare definitivamente il gioco.

    ## Che personaggio scegliere

    La cosa migliore per un giocatore alle prime armi è scegliere _Wilson_, è un giocatore equilibrato e non richiede troppe attenzioni.

    ## Come passare i primi giorni

    I primi giorni sono sempre i più difficili, l'obiettivo principale in questa fase è raccogliere frutta, semi, legna, erba e ramoscelli; saranno utili per per costruire l'accampamento, in seguito, ma non solo.

    > Per riuscire a sopravvivere la notte è necessario crearsi delle torce da tenere in mano oppure un falò. La luce allontanerà le ombre e farà rimanere vivo il personaggio.

    ### Ora inizia il divertimento...

    Passati i primi giorni è il momento di fare l'accampamento. Il luogo ideale per stabilizzarsi è vicino al _bioma della Savana_ (lo si riconosce dal fatto che ci sono i bufali), ma non al suo interno perché con la patch _Progress_ i bufali diventano aggressivi durante la stazione degli amori.

    Il centro dell'accampamento è il falò; per riuscire a ritrovarlo facilmente è consigliato posizionarlo vicino ad una strada.

    Se possibile il falò deve essere costruito anche vicino ad un bioma roccioso ed ad una steppa (riconoscibile per la grande quantità di ciuffi d’erba che ci crescono); in questo modo avremo tutte le risorse di cui disponiamo, almeno nel breve termine.

    ### Perché creare l'accampamento vicino al bufali?

    La principale fonte di cibo è l'agricoltura, e l'unico modo per riuscire a mantenere efficiente la produzione è avere a disposizione grandi quantità di letame.

    Creando fin da subito gli orti avanzati, si potranno piantare semi e coltivare i vari ortaggi a casa, senza doversi preoccupare di cacciare, pescare e raccogliere bacche.

    > Cuocere gli ortaggi prima di mangiarli incrementa la loro rendita.

    ## Come mantenere il proprio accampamento

    Ora capiamo come mantenere il personaggio in salute.

    > I personaggi hanno bisogno di attenzioni per riuscire a sopravvivere. Oltre alla fame è necessario tenere sotto controllo anche gli altri parametri, come ade esempio la salute mentale.

    ### La falegnameria non è un reato

    Da non sottovalutare affatto è la costante raccolta di ceppi di legno;

    Sebbene la legna sia molto usata nella produzione di assi di legno, quindi di tutte le costruzioni, il consiglio è di avere con sè sempre 2-3 slot pieni (quindi 40-60 ceppi) di legna nello zaino.

    Per rendere possibile questo, è opportuno usare le pigne per piantare costantemente numerosi pini a pochi passi dal nostro campo, senza preoccuparsi se non riusciremmo ad abbatterli tutti prima della loro seccatura.

    Lo stesso discorso è dedicato ai ciuffi d’erba, anch’essi molto importanti, anche se non cosi tanto da piantarli vicino a casa, ma semplicemente raccogliendoli in giro.

    ### NO al cannibalismo

    Una volta impostato l'essenziale nel nostro accampamento (composto, quindi, da: un falò, qualche cassa, le macchine della scienza e dell'alchimia e un frigorifero), è opportuno passare al passo successivo.

    Occorre una lancia per proteggersi ed un retino per catturare le api, che poi ci serviranno per produrre miele, il miglior metodo per ripristinare la vita e allo stesso tempo proteggersi dai cinghiali che, dopo averci seguito per un po', andranno a mangiarlo per poi venir punti dalle api.

    Per riuscire a raccogliere le ragnatele, si devono costruire delle trappole per imprigionare i ragni, che usciranno dal loro nido una volta attaccato.

    Una volta costruito il retino, si deve catturare quattro api e distruggere l'alveare. Con il nido d'api ci si può creare una casetta per api che produrrà miele.

    ### Residenti a tutti gli effetti

    Ci siamo, siamo quasi pronti per battere ogni record, l'ultimo sforzo.

    Questo è il momento di stabilirsi e prepararsi alla sopravvivenza a lungo termine.

    Dopo aver creato sempre nuovi orti avanzati, ci si può equipaggiare con un casco del calciatore e costruire un effige che ci riporterà in vita nel caso in cui moriremo. Il consiglio è di non averne molte contemporaneamente, oppure la vita massima calerà troppo, causandoci problemi.

    L'ultimo passo è costruire una recinzione in legno/pietra per proteggere la base.

    ### Cosa fare ora

    Scampata la fase iniziale, sarà ora possibile divertirsi con la vasta quantità di “sfide” proposte in Don’t Starve, come essere aiutati dai Teenbird, andare alla caccia del Koalefante, fondare un villaggio di maiali, migliorare lo stile di combattimento, sfoggiare la vasta gamma di indumenti proposti, e tanto altro, ma questa è un'altra storia.

    ## Traiamo le conclusioni

    Spero che questa guida ti sia piaciuta, se fosse questo il caso ti invito a mettere un pollicione in su e di raccomando di non morire di fame.

    Ti ricordo che qui sotto c'è la sezione per i commenti ed è possibile anche aggiungerne di nuovi, usali con saggezza, senza abusarne.

    Ale - Amministratore della community.

    ### Quote

    Mi sembra giusto citare la fonte dei miei consigli, che, prima di me ha creato questa guida: [Come iniziare a sopravvivere](http://dontstarveitalia.altervista.org/come-iniziare-a-sopravvivere/).

    Giovedì, 16 maggio 2019 @ 12:05
  • 0
    commenti
    0
    Come superare l'inverno

    Una delle fasi più impegnative in Don't Starve è l'inverno.

    In questa guida vedremo quali precauzioni prendere per affrontare questa stagione.

    ### Quanto spesso incombe l'inverno

    Si può essere travolti dall'inverno già al giorno 11-12, di norma occorre ogni 20-35 giorni e ha una durata di 20.

    ### Quali sono le principali difficoltà

    Le principali difficoltà dell'inverno sono:

    - il freddo;
    - l'inattività degli orti e la non ricrescita dei ciuffi d'erba;
    - l'inattività delle api, e di conseguenza la mancanza di produzione di miele, che come abbiamo visto nella guida [Come iniziare a sopravvivere](talk:20c42810-77c2-11e9-9d47-02000003651f), è utile per recuperare la vita.

    ## Gli spifferi sono la causa di tutti mali

    L'ostacolo principale dell'inverno è chiaramente il freddo. Per sopravvivere è necessario scaldarsi stando vicino ad un fuoco. Per evitare di non riuscire a tornare al caldo, è consigliato non allontanarsi troppo dall'accampamento.

    Per scaldarsi ci si può equipaggiare con un cappello invernale e un abito invernale.

    > Curiosità: anche la barba di Wilson dà una protezione dal freddo a seconda delle sue dimensioni.

    ## Come formiche previdenti

    Chi si ricorda la favola della cicala e della formica? Riassumendo e parafrasando, il succo della questione è che, mentre la cicala cantava tutta l'estate, la formica si dedicava alla raccolta di risorse per l'inverno.

    Per riuscire a sopravvivere ci si deve comportare più da formica e meno da cicala.

    In inverno il giorno dura meno, mentre la notte ed il tramonto sono prolungati, è quindi necessario accumulare abbastanza scorte di legna, erba e ramoscelli prima del suo arrivo.

    Durante la stagione fredda, invece, si dovrà dedicare le giornate solo ed esclusivamente alla caccia, unica fonte di sostentamento invernale.

    ### Anche le api vanno in letargo

    Durante l'inverno non spawnano le api, quindi non viene prodotto il miele. Sarà difficile tenere a bada la vita e la sanità mentale, anche qui è necessario fare scorta di miele in previsione del freddo.

    ### Salva le piante, mangia un vegano

    Anche il cibo è fondamentale, scorta, scorta, scorta, questa è la parola chiave, anche se, per quanto riguarda il fattore fame, possiamo recuperare punti anche d'inverno. Riuscire ad organizzarsi alla perfezione non è sempre possibile, quindi, cosa fare se si rimane senza cibo?

    Per riuscire a recuperare la fame saremo costretti a dedicarci alla caccia di uccelli e bufali. D'inverno non è possibile pescare, dato che gli stagni sono ghiacciati.

    > Durante l'inverno, usciranno dal letargo mob speciali: MacTusk, WeeTusk, cinghiali blu e il cervo delle nevi (boss).

    ## Riassuntone

    Quindi, per sopravvivere all'inverno ci si deve preparare facendo più scorte possibili durante la stagione calda, mentre durante il freddo non ci si deve allontanare troppo dall'accampamento, cacciano bufali, piazzando trappole per uccelli e pregando che torni presto la primavera.

    ## Traiamo le conclusioni

    Spero che questa guida ti sia piaciuta, se fosse questo il caso ti invito a mettere un pollicione in su e di raccomando di non morire di fame.

    Ti ricordo che qui sotto c'è la sezione per i commenti ed è possibile anche aggiungerne di nuovi, usali con saggezza, senza abusarne.

    Ale - Amministratore della community.

    ### Quote

    Mi sembra giusto citare la fonte dei miei consigli, che, prima di me ha creato questa guida: [Come superare l'inverno](http://dontstarveitalia.altervista.org/come-superare-linverno/).

    Giovedì, 16 maggio 2019 @ 22:50